LEASING NAUTICO

Le aziende che viaggiano per mare da noi trovano un porto sicuro. Il leasing nautico offre alle imprese finanziamenti per l'acquisto di imbarcazioni da diporto, a vela o a motore, nuove, usate o da costruire.
 

Leasing Nautico: vantaggi per il cliente 

 
 

 

Deducibilità dei canoni di leasing più rapida rispetto all'ammortamento ordinario consentito in caso di acquisto diretto


 

 

Assistenza completa per tutte le pratiche amministrative

 

 


 

 

Consulenza personalizzata per il piano finanziario

 


SCOPRI I NOSTRI SERVIZI A DISTANZA
Puoi parlare con uno specialista leasing anche in video conference. E in più, se il preventivo di rata è per te interessante puoi firmare il contratto anche a distanza! Vieni a saperne di più

 

 

Leasing Nautico

 

Tipologia: leasing nautico

Importo minimo dell’operazione: 75.000 Euro

Durata del contratto: può variare da un minimo di 48 mesi ad un massimo di 84 mesi per le imbarcazioni a Motore (durata massima elevabile a 120 mesi per le imbarcazioni a Vela)

Canoni di leasing: mensili, trimestrali o semestrali

Anticipo: nella misura massima del 40%

Riscatto finale: da un minimo del 1% ad un massimo del 10%

Tasso: fisso o indicizzato

Assicurazione: obbligatoria. Per le coperture assicurative previste dal contratto, il cliente può proporre la polizza della compagnia di suo gradimento – con vincolo a favore di Credemleasing. Per ulteriori informazioni è possibile consultare il Foglio Informativo.

 

 

Il D.Lgs. 171 del 18/7/2005 (Codice della nautica da Diporto) ha confermato la possibilità dell’impiego a fini commerciali dell’unità da diporto qualora la stessa sia:

  • Oggetto di locazione o noleggio (charter)
  • Utilizzata per l’insegnamento della navigazione da diporto (scuola di vela)
  • Utilizzata come unità di appoggio per praticanti subacquei a scopo sportivo o ricreativo (c.d. attività di “diving”) 

In questa tipologia di impiego dell’unità da diporto (“a fini commerciali”), la durata del contratto di leasing non è più vincolante per la deducibilità dei canoni in capo all’Utilizzatore. L’impresa utilizzatrice che imputa a conto economico i canoni di locazione finanziaria (No IAS Adopter) li deduce, a prescindere dalla durata contrattuale prevista, secondo quanto disposto dall’art. 102 del T.U.I.R. (“... non deve essere inferiore alla metà del periodo di ammortamento corrispondente al coefficiente stabilito a norma del comma 2 dell’art. 102DPR 917 del 1986 (T.U.I.R), in relazione all’attività esercitata dall’impresa stessa...”).

I canoni e il valore di riscatto potranno essere considerati non imponibili IVA ai sensi dell'art. 8-bis del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972 (condizione che dovrà essere verificata per ciascun periodo d'imposta) se l’imbarcazione avrà effettuato un numero di viaggi in alto mare (ovvero oltre le 12 miglia marine) in misura superiore al 70 per cento del numero dei viaggi complessivi effettuati, esclusi gli spostamenti fra cantieri o porti per motivi tecnici. Questa particolare tipologia d’impiego dovrà essere annotata nei Registri di Iscrizione e sulla Licenza di Navigazione. L'utilizzatore dovrà altresì assumere la qualifica di "armatore".

 

In attuazione delle disposizioni di cui all’art. 1, commi da 708 a 712, della legge n. 178/2020 (legge di bilancio 2021) è stato emanato dall’Agenzia delle Entrate il Provvedimento Direttoriale Prot. N. 151377 del 15 giugno 2021 con il quale è stato reso pubblico il modello di dichiarazione da rendere da parte degli utilizzatori per la necessaria attestazione dell’utilizzo dei servizi di locazione, anche finanziaria, noleggio e simili non a breve termine nel territorio della UE, di imbarcazioni adibite alla navigazione in alto mare (quadro B), ai fini della non imponibilità IVA, ai sensi dell’articolo 8-bis del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633.

Con la dichiarazione, l’utilizzatore certifica che nel periodo di imposta più del 70 per cento del numero di viaggi sono stati effettuati in alto mare. L’utilizzatore che dichiara una percentuale determinata provvisoriamente, sulla base dell’uso previsto della nave, verifica, a conclusione dell’anno solare, la sussistenza della condizione dell’effettiva navigazione in alto mare.

La dichiarazione, da presentare per ciascun anno di durata del contratto di locazione finanziaria, deve essere trasmessa telematicamente all’Agenzia delle Entrate, che rilascia apposita ricevuta telematica con indicazione del protocollo di ricezione.

Per fruire della non imponibilità IVA sui canoni del contratto di locazione finanziaria, l’Utilizzatore trasmette gli estremi del protocollo di ricezione della dichiarazione alla società concedente per vedersi riconoscere in fattura il regime IVA di non imponibilità.

Il provvedimento direttoriale stabilisce poi che le dichiarazioni possono essere trasmesse telematicamente all'Agenzia delle Entrate a partire dal 15 luglio 2021 e i cui effetti si manifestano nelle fatture la cui data decorre dal 14 agosto 2021, sessantesimo giorno successivo all’adozione del predetto provvedimento (come stabilito dall’art. 1 co. 712 della L. n. 178/2020).

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Per tutte le condizioni indicate si rimanda ai fogli informativi disponibili presso le filiali Credem e Credemleasing o sul sito internet nelle apposite sezioni. La concessione del leasing è soggetto all’approvazione insindacabile di Credemleasing S.p.A.