NEWS DAL MONDO CREDEMLEASING  

Sosteniamo i nostri clienti colpiti dall’emergenza COVID-19

30-03-2020

Vogliamo esprimere tutta la nostra vicinanza alle persone e alle aziende che sono state coinvolte dal Coronavirus.

Sosteniamo i nostri clienti colpiti dell’emergenza COVID-19, per questo abbiamo intrapreso tre azioni per poter sospendere le rate dei leasing in un momento così delicato per l’economia.

 

MORATORIA DECRETO CURA ITALIA

Proroga (o rinuncia alla proroga) dei termini di sospensione della moratoria D.L. “Cura Italia”, introdotti dalla Legge di Bilancio 2021.

Con riferimento alle misure di sostegno finanziario previste dall’art. 56, comma 2, lett. c), del D.L. n. 18, del 17.3.2020, c.d. “Decreto Cura Italia”, rendiamo noto che l’art. 1, comma 248, Legge 30 dicembre 2020, n. 178, (“Legge di Bilancio 2021”) ha previsto la proroga dei termini di sospensione del pagamento dei canoni di leasing dal 31.01.2021 al 30.06.2021.

La proroga opera automaticamente senza alcuna formalità, salva l'ipotesi di rinuncia espressa da parte dell'impresa beneficiaria, da far pervenire al soggetto finanziatore entro il termine del 31 gennaio 2021 (o per il comparto turistico entro il 31 marzo 2021).

Per rinunciare alla proroga:

  1. scarica il modulo di rinuncia alla proroga ;
  2. invia, entro e non oltre il 31 gennaio 2021 (o per il comparto turistico entro il 31 marzo 2021), il modulo (di cui al punto precedente) compilato, allegando allo stesso copia di un documento di identità del firmatario/legale rappresentante solo in caso di firma olografa. Il modulo potrà essere inviato alternativamente a moratoria@credemleasing.it oppure a moratoria.credemleasing@pec.gruppocredem.it.

 

Come accedere alla moratoria D.L. “Cura Italia”.

I nostri Clienti, che siano microimprese, piccole o medie imprese, come definite dalla Raccomandazione della Commissione europea n. 2003/361/CE del 6 maggio 2003, e fra queste anche i lavoratori autonomi titolari di partita IVA e le ditte individuali, aventi sede in Italia, possono richiedere, entro il 31.01.2021, ai sensi dell'art. 56, comma 2, lett. c), del “Decreto Cura Italia” (così come modificato dall'art. 1, comma 250, della Legge di Bilancio 2021), la sospensione del pagamento dei canoni di leasing in scadenza prima del 30.06.2021 e sino al 30.06.2021, secondo una delle due seguenti modalità:

(i) la sospensione dell’intero canone (quota capitale e quota interessi) o

(ii) la sospensione della sola quota capitale dei canoni.

Possono beneficiare della misura le Imprese le cui esposizioni debitorie non erano, alla data della pubblicazione del “Decreto Cura Italia” (17.03.2020), classificate come esposizioni creditizie deteriorate ai sensi della disciplina applicabile agli intermediari creditizi.
Per poter usufruire delle misure previste dal predetto decreto, l’Impresa deve rilasciare apposita dichiarazione con la quale autocertifica, ai sensi dell'art. 47 DPR 445/2000, di aver subito in via temporanea carenze di liquidità quale conseguenza diretta della diffusione dell'epidemia da COVID-19.

 

Per accedere alla richiesta di sospensione del pagamento dei canoni del leasing è sufficiente:

  1. compilare il seguente modulo Scarica il modulo richiesta sospensione Legge di Bilancio 2021
  2. inviare il modulo compilato, allegando copia di un documento di identità del firmatario/legale rappresentante, solo in caso di firma olografa. Il modulo potrà essere inviato alternativamente a moratoria@credemleasing.it oppure a moratoria.credemleasing@pec.gruppocredem.it.

 

Area FAQ

Clicca qui per leggere le risposte di Credemleasing alle domande più frequenti - FAQ.

Clicca qui per leggere le FAQ del Ministero dell'Economia e delle Finanze (MEF).

Per ulteriori informazioni chiama il 0522-402600.

 

 

MORATORIA ABI - IMPRESE PMI e NON PMI 
(Accordo per il Credito ABI 2019 – Terzo Addendum del 17 dicembre 2020)

Prorogato al 31 marzo 2021 il termine per la presentazione delle domande.

Le imprese che possono beneficiare delle misure previste nell’Accordo per il Credito 2019, sottoscritto dall’ABI e dalle principali Associazioni di rappresentanza delle imprese (“Accordo”), come modificato dagli Addenda del 6 marzo e del 22 maggio 2020, sono:

  • Le PMI e le Microimprese  operanti in Italia in tutti i settori, come definite dalla normativa comunitaria, cioè con (i) fatturato non superiore a 50 mln di euro oppure con un totale di bilancio annuo non superiore ai 43 mln di euro e (ii) un numero di dipendenti inferiore alle 250 unità
  • Le imprese di maggiori dimensioni rispetto alla categoria delle PMI, che autocertificano di essere state danneggiate dall’emergenza sanitaria “COVID-19”.

Possono beneficiare dell’Accordo le imprese che non presentavano, alla data del 31 gennaio 2020, esposizioni debitorie classificate come deteriorate, ossia non avevano esposizioni classificate fra le  “sofferenze”, “inadempienze probabili”, “esposizioni ristrutturate” o “esposizioni scadute/sconfinanti” da oltre 90 giorni e che non avevano azioni esecutive in corso.

Le predette imprese possono richiedere la sospensione, fino a 9 mesi, del pagamento della quota capitale implicita dei canoni di  leasing "immobiliare" o "mobiliare", a condizione che detti contratti:

  1. risultino in essere alla data del 31 gennaio 2020,
  2. nei 24 mesi precedenti alla richiesta non abbiano già beneficiato di una sospensione o allungamento (escluse quelle concesse “ex lege”).

Il periodo massimo di sospensione non potrà superare la durata di 9 mesi, durata diminuita dagli eventuali periodi di sospensione già accordati in conseguenza dell’emergenza sanitaria "Covid-19” (in attuazione del Decreto Cura Italia, dell’Accordo per il Credito 2019 o in forza di accordi intercorsi con effetti analoghi).

 

Per accedere alla richiesta di sospensione della quota capitale implicita dei canoni:

Scarica il modulo richiesta sospensione per Moratoria ABI

Credemleasing valuterà senza ritardo la richiesta e, sussistendone le condizioni, invierà comunicazione di conferma dell’attivazione della Moratoria entro 25 giorni lavorativi dalla ricezione della documentazione necessaria per l’istruttoria. In caso contrario, entro il medesimo termine ne darà comunicazione al cliente.

 

DECRETO LIQUIDITA' 
(tutti gli interventi sostenuti dal Fondo di Garanzia PMI)

La Legge 30 dicembre 2020 n.178 (cd. "Legge di Bilancio 2021") ha prorogatole l'operatività straordinaria del Fondo di Garanzia prevista dal DL n.23 dell'8 aprile 2020 (cd. “Decreto Liquidità”) fino al 30.06.2021, ai sensi dell'art. 1 comma 244, per le misure di intervento a favore delle PMI, e fino al 28.02.2021, ai sensi dell'art. 1 comma 245,  per le misure di intervento a favore delle imprese con un numero di dipendenti non inferiore a 250 e non superiore a 499 (cd. MID-CUP).

Il DL n. 23 dell’8 aprile 2020 (cd. “Decreto Liquidità”) è stato convertito in Legge, con modificazioni, dalla Legge n. 40 del 5 giugno 2020. Le modifiche apportate dal Parlamento nel corso della conversione in Legge hanno ulteriormente ampliato le misure per favorire l’accesso al credito alle imprese e le possibilità di utilizzo delle garanzie concesse dallo Stato come il Fondo di Garanzia PMI. Le modifiche sono state approvate dalla Commissione Europea il 17 giugno 2020 ed il Fondo di Garanzia per le PMI ha specificato che le novità introdotte sono applicate alle richieste presentate dal 19 giugno 2020.

Quali sono le novità?

  • I finanziamenti fino a 25.000€ per PMI e persone fisiche che esercitano attività d’impresa, arti o professioni con copertura del 100% sono stati ampliati fino a 30.000€ e la durata è stata estesa da 72 a 120 mesi ; tali finanziamenti possono essere concessi anche ad associazioni professionali, a società di professionisti nonché ad agenti di assicurazione, subagenti di assicurazione e broker iscritti alla rispettiva sezione del Registro Unico degli intermediati assicurativi e riassicurativi.

Sono confermate le novità già in validità dall’8 aprile 2020

  • La garanzia è gratuita.
  • Sono ammesse alla garanzia di operazioni di rinegoziazione del debito. L’importo massimo garantito è pari a 5 milioni di euro.
  • Vengono ammesse alla garanzia del Fondo le imprese fino a 499 dipendenti. 
  • La percentuale di copertura diretta sale almeno al 90% per tutti i finanziamenti fino a 6 anni, con possibilità di arrivare al 100% nel rispetto di alcune condizioni.

Quali tipologie di finanziamenti prevede?

Per accedere ai finanziamenti devi essere iscritto al Registro delle Imprese oppure, se sei un professionista, devi essere iscritto agli ordini professionali o essere aderente ad associazioni professionali iscritte all'apposito elenco del Ministero dello Sviluppo Economico. I finanziamenti devono avere una durata massima di 72 mesi.

Sono previste tre opzioni di finanziamento sia di liquidità a breve termine sia per investimenti:

  1. finanziamento fino a 30.000€ per PMI e persone fisiche che esercitano attività d’impresa, arti o professioni, associazioni professionali, a società di professionisti nonché ad agenti di assicurazione, subagenti di assicurazione e broker iscritti alla rispettiva sezione del Registro Unico degli intermediati assicurativi e riassicurativi con copertura del 100% . I finanziamenti devono avere una durata massima di 120 mesi;
  2. finanziamento fino a 800.000€ per imprese con fatturato fino a 3,2 milioni di euro con copertura fino al 90% del finanziamento ed estensione fino al 100% con l’intervento di un Confidi;
  3. finanziamento fino a 5 milioni di euro per imprese fino a 499 dipendenti con copertura fino al 90%.

 

Come richiedere il finanziamento fino a 30.000€?

Clicca qui per informazioni su come richiedere il finanziamento.

 

Come richiedere il finanziamento fino a 800.000€?

Clicca qui per informazioni su come richiedere il finanziamento.

 

Come richiedere il finanziamento fino a 5 milioni di euro?

Per poter richiedere tale garanzia il finanziamento deve essere nuovo e avere: 

  • una durata massima di 72 mesi;
  • un preammortamento con durata fino a 24 mesi;
  • un importo non superiore a uno di questi 3 parametri (alternativi tra loro):
    • il 25% del tuo fatturato 2019;
    • il doppio della spesa salariale annua (compresi gli oneri sociali e il costo del personale che lavora nel sito dell'impresa ma che figura formalmente nel libro paga dei subcontraenti) per il 2019 o per l'ultimo anno disponibile;
    • il fabbisogno per costi del capitale di esercizio e per costi di investimento nei successivi 18 mesi, nel caso di piccole e medie imprese, e nei successivi 12 mesi, nel caso di imprese con numero di dipendenti non superiore a 499. In questo caso devi presentare una apposita autocertificazione che attesti questo fabbisogno.

Compila i seguenti documenti e inviali direttamente al tuo gestore via PEC o via email non certificata:

  • Modello Allegato 4 - Garanzia Diretta -  completo in ogni sua parte e sottoscritto con firma;
  • Documento d'identità valido del rappresentante legale;
  • Per professionisti/Studi professionali: iscrizione all'Albo o certificato di attribuzione di partita IVA;
  • Se non già disponibile alla banca invia anche:
    • bilancio 2018 depositato e bilancio 2019 depositato oppure approvato ma non ancora depositato;
    • per società di persone e ditte individuali ultime due dichiarazioni fiscali presentate, comprensive del documento di trasmissione all'Amministrazione competente, e prospetti di Stato Patrimoniale e Conto Economico timbrati e firmati relativi agli ultimi due esercizi.

Clicca qui per scaricare la modulista.

Credemleasing prenderà in carico la richiesta di leasing e procederà entro 25 giorni lavorativi alla valutazione di merito creditizio e alla verifica della presenza e conformità di tutti i documenti richiesti. Procederà quindi ad inoltrare la pratica al Fondo.
Il Fondo in media entro 7 giorni lavorativi dalla ricezione della richiesta comunica la propria delibera sulla garanzia.
Ricevuta la comunicazione della delibera della garanzia, sarà possibile concordare con il cliente la data per la stipula del leasing e della documentazione complementare per l’acquisto del bene.
Credemleasing sarà comunque in grado di predisporre tutta la documentazione contrattuale anzidetta  entro 5 giorni lavorativi dalla data di ricevimento della comunicazione del Fondo sulla garanzia.

Area FAQ

Clicca qui per leggere le FAQ del Ministero dell'Economia e delle Finanze (MEF).