Le tipologie di locazione

Generalmente con il termine "leasing" o "locazione finanziaria" si fa riferimento alla tipologia più diffusa in Italia del leasing finanziario; esistono tuttavia altre forme di leasing:

Leasing operativo (forma tecnica non gestita da Credemleasing)

Il leasing operativo non prevede un’opzione di riscatto e può essere posto in atto, alternativamente:

  • da un intermediario finanziario: in questo caso si tratta, come per la locazione finanziaria, di un'operazione trilaterale con causa di finanziamento in cui i rischi sul bene e l'esecuzione degli eventuali servizi sono trasferiti dalla società di leasing ad un soggetto terzo (di norma il fornitore);
  • da un intermediario non finanziario, che può trattenere in tutto o in parte i rischi sul bene e gestire in proprio o meno i servizi; in questo caso:
    • l’operazione è trilaterale ed i beni da concedere in locazione generalmente non sono acquistati per massa (rectius a stock) ma ad hoc per il singolo cliente;
    • il concedente risponde degli eventuali vizi sul bene locato;
  • direttamente dal produttore del bene: in questo caso si tratta di un'operazione commerciale a struttura bilaterale nella quale il concedente/produttore risponde in prima persona degli eventuali vizi sul bene locato.

Lease back

Il “lease back” è quella figura contrattuale che si realizza con la vendita da parte di un’impresa di un proprio bene immobile strumentale all’attività ad una società di leasing che ne diviene proprietaria e che, contestualmente, lo concede in leasing allo stessa impresa venditrice a fronte del pagamento di canoni periodici e con il diritto di riscatto al termine del contratto.

Il lease back si propone come un’operazione vantaggiosa che consente di evitare il ricorso alle fonti tradizionali di credito, convertendo in liquidità capitali immobilizzati che rischiano di frenare l’attività dell’impresa.

Rispetto ad una normale operazione di locazione finanziaria, l’aspetto peculiare del lease back è da rinvenirsi nella mancanza di trilateralità, cioè di un rapporto contrattuale che vede quali parti il fornitore, l’utilizzatore e la società concedente. Nel lease back l’utilizzatore riveste il duplice ruolo: quello di fornitore del bene nel contratto di compravendita e quello di utilizzatore nel contratto di leasing.

In sintesi, l'impresa ricorre al lease back principalmente per:

  • soddisfare il proprio fabbisogno finanziario senza doversi privare di beni immobili utili all'esercizio delle sue attività imprenditoriali (potenziamento dei fattori produttivi della natura finanziaria);
  • non accrescere formalmente il proprio indebitamento o diversificarlo secondo le esigenze (riferito a soggetti non IAS adopter);
  • ottenere un finanziamento in grado di coprire fino al 100% del valore del bene.