I vantaggi

  • Finanziamento del valore totale del bene, comprensivo di allestimenti e IVA (dilazionata sui canoni); 
  • Elevata flessibilità: è possibile personalizzare la durata del contratto, l’importo dell’anticipo e dei canoni, adeguando il piano di rimborso alle esigenze di cassa dell’azienda;
  • Possibilità di “spesare” più velocemente il bene in quanto la deducibilità dei canoni di leasing è più rapida rispetto all’ammortamento ordinario consentito in caso di acquisto diretto del bene;
  • Possibilità di acquistare i beni da uno o più fornitori;
  • Coperture assicurative “All Risks”: è possibile usufruire di convenienti e tutelanti coperture assicurative per la tutela dagli eventuali rischi legati alla proprietà del bene;
  • Completa assistenza già nella fase di acquisto del bene: dalla gestione dell’ordine al fornitore, alla verifica della documentazione e delle certificazioni richieste dalle normative vigenti;
  • Consulenza e assistenza nella presentazione delle domande per l’ottenimento dei contributi previsti dalle leggi agevolative dello Stato o degli Enti locali.

 

Rispetto alle forme di finanziamento "tradizionali" (es. mutuo bancario)

  • presenta tempi di istruttoria rapidi;
  • consente di finanziare il costo del bene per intero (IVA compresa);
  • non intacca i ratios di bilancio dell’utilizzatore;
  • è un servizio estremamente flessibile che può essere "tagliato" sulle diverse esigenze del cliente (molteplici combinazioni sono possibili tra: durata del contratto, periodicità ed importo dei canoni, valore di riscatto del bene, prestazione di servizi aggiuntivi sul bene, quali assistenza, assicurazione, manutenzione ecc.).

Rispetto al noleggio del bene:

  • nel leasing è l’utilizzatore stesso a scegliere il bene ed il fornitore del bene stesso e, se del caso, a farsi costruire il bene "su misura";
  • il leasing consente di poter usufruire di eventuali sconti sul prezzo del bene in quanto il fornitore viene pagato senza dilazioni dalla società finanziaria;
  • il leasing consente, al termine ed alle condizioni stabilite nel contratto, di acquisire la proprietà del bene.

Rispetto all’acquisto diretto del bene

  • permette il frazionamento dell’IVA nei canoni periodici;
  • può consentire – in talune condizioni - un ammortamento accelerato rispetto alle tabelle di ammortamento ordinario, attraverso la detraibilità dei canoni periodici nell’arco della durata del contratto.

Rispetto alla vendita a rate:

  • Nel leasing il bene rimane di proprietà della società concedente per tutta la durata del contratto e passa all’utilizzatore solo se quest’ultimo al termine dello stesso esercita l’opzione di riscatto;
  • Nella vendita a rate, invece, si ha un immediato passaggio di proprietà del bene (passaggio che tuttavia rimane "condizionato" al regolare pagamento delle rate) dal concedente all’utilizzatore. Di conseguenza, dal punto di vista contabile e fiscale, il bene viene trattato come un qualsiasi bene di proprietà dell’utilizzatore. Inoltre, mentre il leasing è stipulato principalmente da imprese, professionisti e imprenditori, la vendita a rate è una forma di finanziamento di norma diretta soprattutto ai consumatori privati e di durata relativamente breve.