Con l’entrata in vigore, dal 1° gennaio 2018, del Regolamento UE 2016/1011 dell’8 giugno 2016 (c.d. BMR – Benchmarks Regulation e di seguito il “Regolamento”) si è ufficialmente avviata la riforma in materia di indici usati come riferimento negli strumenti finanziari e nei contratti finanziari o per misurare la performance di fondi di investimento.

Alcune definizioni:

Contratti finanziari

Per “contratti finanziari” si intendono i contratti di credito a tempo determinato, con consumatori e non consumatori, che normalmente prevedono l’utilizzo di un indice di riferimento per determinare il tasso o la sua periodica variazione.

La locazione finanziaria (leasing) è un contratto finanziario.

Indice di riferimento

Per “indice di riferimento” (benchmark) si intende: “un indice in riferimento al quale viene determinato l’importo da corrispondere a titolo di interessi corrispettivi in un contratto finanziario, quale ad es. il parametro Euribor®.

Strumenti finanziari

Per “strumenti finanziari” si intendono gli strumenti ricompresi nell’allegato 1 sezione C della Direttiva 2014/65/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 maggio 2014 , relativa ai mercati degli strumenti finanziari. Sono strumenti finanziari fra gli altri gli strumenti finanziari derivati.

 

Il Regolamento stabilisce che:

  • gli intermediari che utilizzano un indice di riferimento redigono e mantengono solidi piani scritti che specificano le azioni che intendono intraprendere in caso di sostanziali variazioni di un indice o qualora lo stesso cessi di essere fornito;
  • ove possibile e opportuno, detti piani designano uno o più indici alternativi a cui si potrebbe fare riferimento, per la sostituzione degli indici dei quali è stata sospesa la fornitura.

Procedure adottate da Credemleasing in caso di variazione o cessazione degli indici di riferimento

In base alle disposizioni normative sopra indicate, abbiamo adottato un Piano che specifica le azioni da intraprendere per il caso di cessazione o sostanziale variazione di un indice di riferimento, e che trovi linkato qui di seguito:

Per poter leggere i documenti pdf occorre aver installato il plug-in Adobe Acrobat Reader, scaricabile gratuitamente dal sito Adobe. Una volta visualizzati, è possibile salvare o stampare i documenti.